Una guida di facile consultazione, in costante evoluzione e ricca di consigli. Pensata per tutti coloro che guidano i bambini nel loro percorso di crescita e sviluppo.




Scabbia

Cos’è?

È una infestazione contagiosa della pelle da parte di un parassita, chiamato “acaro della scabbia”; la femmina scava delle piccole gallerie appena al di sotto della superficie esterna della pelle per deporvi le uova; queste si dischiudono dopo pochi giorni per liberare le larve.
Il contagio è dovuto a stretto contatto con persone affette e non è difficile che un intero nucleo familiare sia contagiato.
La scabbia si manifesta negli individui di qualsiasi livello sociale (non solo nelle famiglie povere con carenti condizioni igieniche) e a qualsiasi età; c’è un ritorno di questa malattia infettiva soprattutto nelle grandi città.
Dal momento che gli acari non vivono più di 2-3 giorni al di fuori del corpo umano, il contagio attraverso oggetti è più improbabile.

Quali sono i sintomi/segni?

Il sintomo principale è un intenso prurito che si accentua durante la notte.
Le gallerie scavate sotto la pelle appaiono come piccoli rilievi di colore grigiastro lunghi da 3 a 15 millimetri, localizzate prevalentemente tra le dita della mano, nei polsi, intorno ai gomiti, nelle pieghe ascellari. Può essere difficile vedere queste gallerie dal momento che la pelle è spesso irritata o infetta in seguito all’intenso grattamento provocato dal prurito.
I pericoli maggiori sono quelli della diffusione della infestazione e dell’infezione delle aree lesionate in seguito al grattamento.

  • La scabbia deve essere riconosciuta dal medico che prescriverà i farmaci adatti per il trattamento: il farmaco di scelta è la permetrina in crema al 5%.
  • Il farmaco va applicato su tutto il corpo (compreso il cuoio capelluto nei bambini) e va rimosso con acqua dopo 8-14 ore.
  • Per prevenire la reinfestazione tra familiari è consigliabile trattare tutti i conviventi contemporaneamente.
  • Prima di sottoporsi al trattamento è necessario praticare il bagno o la doccia tiepidi e sostituire la biancheria personale e del letto dopo ogni applicazione. Non si devono usare asciugamani in comune con altre persone. La biancheria deve essere lavata a caldo in lavatrice e va stirata. I giocattoli vanno lavati, mentre non è necessario farlo per mobili e pavimenti.
  • Dopo essersi sottoposti al trattamento si può tornare a scuola o al lavoro, anche se il prurito può rimanere per parecchi giorni per i fenomeni irritativi del grattamento. La contagiosità si riduce progressivamente nel corso della terapia. In una piccola percentuale di casi la persistenza del prurito dopo il trattamento è dovuta a una recidiva della malattia: può essere necessario ripetere il trattamento dopo 7-10 giorni, ma dovrà essere il medico a stabilirlo.
Hai trovato utile questo wiki?

0 persone su 0 trovano utile questo wiki
Sidebar



Vai alla barra degli strumenti