Una guida di facile consultazione, in costante evoluzione e ricca di consigli. Pensata per tutti coloro che guidano i bambini nel loro percorso di crescita e sviluppo.




Mononucleosi

Cos’è?

La mononucleosi è una malattia infettiva causata dal virus di Epstein Barr (EBV).
L’EBV è un virus della stessa famiglia di quello della varicella, che infetta un tipo di cellule del sistema immunitario (linfociti B).
Questa malattia è frequente e la trasmissione del virus avviene attraverso la saliva (infatti viene detta anche “malattia del bacio”). La mononucleosi è diffusa soprattutto nella fascia di età che va dai 15 ai 25 anni, ma può essere trasmessa anche a una persona adulta.
Nei bambini che contraggono la mononucleosi in età inferiore ai 12 anni (con lo scambio di giochi portati alla bocca), l’infezione è quasi sempre asintomatica o con sintomi così lievi da venire il più delle volte confusa con una normale influenza.

Quali sono i sintomi/segni?

In molti individui il decorso della malattia è asintomatico.
I sintomi principali sono simili a quelli di una comune infezione virale delle alte vie respiratorie e cioè:

  • febbre,
  • forte mal di gola e di testa,
  • debolezza,
  • uno stato di malessere generale,
  • diffusi dolori muscolari,
  • ingrossamento dei linfonodi (soprattutto quelli del collo) e della milza, talvolta anche del fegato;
  • più raramente si manifesta un esantema (simile al morbillo).

Esistono degli esami di laboratorio specifici per la diagnosi della malattia.
Il contagio avviene per contatto con le secrezioni di naso, bocca e faringe, in particolare con la saliva (bacio, condivisione di bicchieri, stoviglie, giocattoli).
Il periodo di incubazione nell’adulto è di 4-6 settimane (1-3 settimane nel bambino).
Le persone con mononucleosi possono continuare a trasmettere il virus attraverso la saliva anche per molti mesi dopo la guarigione.

Come si cura?

La mononucleosi ha nella maggioranza dei casi una evoluzione benigna. Nei bambini e negli adolescenti (fino a 15 anni), il virus può causare una malattia lieve rispetto agli adulti per i quali i sintomi sono più gravi e durano più a lungo. Non vi sono cure specifiche, se non il paracetamolo per la febbre e il dolore.
Si consiglia il riposo a letto e la sospensione di tutte le attività sportive per almeno 1-2 mesi nei casi in cui sono presenti complicanze (p. es. aumento di volume della milza). Non c’è terapia causale, né vaccino. Eventuali trattamenti sintomatici sono indicati solo su prescrizione medica.
Il decorso della malattia di solito è di 10 giorni circa, ma i linfonodi rimangono aumentati per altre 2-3 settimane e il senso di affaticamento può rimanere anche per 4-6 settimane.

Hai trovato utile questo wiki?

14 persone su 16 trovano utile questo wiki
Sidebar



Vai alla barra degli strumenti