Una guida di facile consultazione, in costante evoluzione e ricca di consigli. Pensata per tutti coloro che guidano i bambini nel loro percorso di crescita e sviluppo.




Laringospasmo

Cos’è?

La laringite è un’infiammazione delle vie respiratorie, vicine alle corde vocali, che comporta un rigonfiamento della mucosa e la riduzione del passaggio dell’aria. Di solito la causa è un virus, in genere nel periodo autunno-inverno; più raramente può essere la conseguenza di una reazione allergica. Nei bambini al di sotto dei 5 anni di età, con una maggior frequenza tra 1 e 2 anni può causare laringospasmo.

Quali sono i sintomi/segni?

Il laringospasmo si presenta soprattutto di notte, all’improvviso, in bambini che di solito hanno il raffreddore da qualche giorno. Esordisce in genere con un violento attacco di tosse spesso abbaiante, accompagnato da un respiro che produce un rumore caratteristico (stridore) quando il bambino cerca di inspirare aria. Il pianto causa un peggioramento della situazione e può portare a movimenti del torace molto accentuati. In caso di intensa difficoltà respiratoria le labbra o le mani del bambino possono anche diventare bluastre. Gli episodi acuti possono risolversi nell’arco di pochi minuti o qualche ora e spesso scompaiono improvvisamente, così come sono insorti. L’intensità dei sintomi è maggiore nei primissimi giorni, quando possono comparire episodi di raucedine e di mancanza di voce. Nella maggior parte dei casi la laringite ha comunque una risoluzione spontanea nell’arco di 15 giorni.

Come trattare un episodio di laringospasmo?

Un episodio di laringospasmo può spaventare molto il bambino che piangendo peggiora la situazione. La prima cosa da fare è rimanere calmi e cercare di tranquillizzare il bambino tenendolo in braccio (si può cercare di distrarlo p. es. leggendo un libro che preferisce).
Se ha la febbre somministrare una dose adeguata di paracetamolo. Il pediatra valuterà inoltre se e quali ulteriori farmaci prescrivere(p. es. cortisone per aerosol o per bocca) e quali medicinali tenere in casa per affrontare eventuali ulteriori episodi simili, che possono ripresentarsi per qualche tempo.
Quando è bene chiamare il medico o andare al Pronto Soccorso:

  • la difficoltà respiratoria è molto evidente e il bimbo riesce a respirare solo se è seduto;
  • il bambino è molto agitato, non riesce a dormire;
  • la salivazione è molto abbondante e il bambino non riesce a deglutire e neppure a bere;
  • il bambino ha le labbra, le mani o i piedi tendenti al bluastro;
  • il bambino ha la febbre molto alta (superiore a 40°C ascellare) ed è molto mogio;
  • il bambino ha perso conoscenza;
  • il bambino non riesce a sostenere il capo;
  • il laringospasmo si manifesta in seguito alla somministrazione di un medicinale oppure alla puntura di un insetto, oppure si sospetta che il bambino possa avere ingoiato un corpo estraneo.
Hai trovato utile questo wiki?

8 persone su 8 trovano utile questo wiki
Sidebar



Vai alla barra degli strumenti