Una guida di facile consultazione, in costante evoluzione e ricca di consigli. Pensata per tutti coloro che guidano i bambini nel loro percorso di crescita e sviluppo.




La febbre nel bambino

Cos’è?

La febbre è un aumento della temperatura corporea superiore ai 37°C se misurata per via ascellare o inguinale, o superiore ai 37,5°C se misurata per via rettale o orale.
La febbre non è una malattia, ma un sintomo.
La causa principale della febbre nei bambini è una infezione da microbi (virus o batteri). Gli episodi febbrili possono essere ricorrenti nel corso del primo anno di scuola materna. La febbre impedisce alla maggior parte dei microbi di moltiplicarsi ed è quindi un utile meccanismo di difesa.

Come si misura la febbre?

La misurazione ascellare è il metodo da preferire. Per la scelta del tipo di termometro sono da preferire quelli a Galinstan (una lega che ha sostituito il mercurio) o quelli che misurano la temperatura elettronicamente. Altri tipi di misurazione (rettale, orale, auricolare) andrebbero effettuati solo da personale sanitario.
In caso di febbre:

  • non coprire il bambino in maniera eccessiva,
  • non è necessario che il bambino rimanga a letto,
  • basta che non faccia sforzi fisici eccessivi,
  • mentre è importante che il bambino beva più del solito.

Non c’è motivo di forzarlo a mangiare se non ne ha voglia; ma è bene che i liquidi assunti contengano un po’ di zuccheri per evitare che il digiuno porti alla produzione di corpi chetonici (acetone) che accentuerebbero il malessere.
Non interrompere l‘allattamento al seno: il latte materno è il migliore alimento anche per il bambino con febbre.
Le spugnature con acqua tiepida sono sconsigliate e quelle con alcool assolutamente da evitare.

Come si cura?

I farmaci antifebbrili vanno preferibilmente somministrati per via orale (gocce, sciroppo, bustine, compresse) ma, se il bambino vomita e non riesce a trattenere niente nello stomaco, si può ricorrere alle supposte. è consigliabile non svegliare un bambino che dorme per dargli l’antipiretico: il riposo aiuta il corpo a combattere l’infezione.
Il paracetamolo è l’antipiretico di prima scelta perché è efficace e ha pochi effetti collaterali. L’ibuprofene deve essere considerato di seconda scelta e inoltre è controindicato in caso di varicella, vomito e/o diarrea.
L’uso alternato o combinato di paracetamolo e ibuprofene è sconsigliato.
Questi farmaci vanno somministrati, attenendosi scrupolosamente alle dosi riportate sui foglietti illustrativi, se:

  • la temperatura ascellare supera i 38,5°C e si associa a sintomi fastidiosi;
  • la febbre è lieve ma si associa a mal di testa, mal d’orecchio, mal di gola o dolori muscolari;
  • la temperatura ascellare supera i 40°C.

Poiché la causa principale della febbre nel bambino è un’infezione virale che tende a guarire spontaneamente nell’arco di 3-4 giorni, si possono attendere anche 72 ore prima di contattare il pediatra, purché il bambino continui a giocare e a bere. Vanno invece visitati quei bambini che presentano sintomi che fanno sospettare un’infezione batterica (mal di gola senza catarro, mal d’orecchio non controllabile con l’antidolorifico, affanno con o senza tosse, difficoltà a urinare, articolazione gonfia).

Contattare subito il pediatra:
  • se l’età del bambino è inferiore ai 3 mesi;
  • in presenza di convulsione;
  • in presenza di torpore o sonnolenza eccessiva;
  • se notate il collo rigido (non riesce a toccarsi il petto con il mento o a guardare in su);
  • se il bambino ha difficoltà respiratoria;
  • se notate petecchie o ecchimosi (piccole o grandi macchie emorragiche).
Hai trovato utile questo wiki?

3 persone su 3 trovano utile questo wiki
Sidebar



Vai alla barra degli strumenti